Stromboli, dal greco STRONGYDE, ovvero la rotonda, proprio perché se vista dall’alto assume la forma di un rotondo perfetto. Questa sua particolarità non è affatto utile nel campo della marinaresca, perché in caso di vento forte non ci sono porti da riparo. Gli antichi greci nella loro mitologia avevano collocato qui la residenza di Eolo, dio del vento. Essi pensavano, infatti, che all’interno del cratere del vulcano, Eolo, soggiornava e quando egli accendeva il sigaro, faceva uscire dallo Stromboli enormi fumate. I marinai tramite queste fumate capivano la direzione del vento e quindi le condizioni meteo-marine. In realtà questo pennacchio di fumo deriva dalle ritmiche esplosioni dello Stromboli.

Un’altra leggenda greca narra che Eolo, essendo molto affabile con le donne, avesse un amore segreto con la moglie del re Liparo. Quando i due amanti si incontravano, Eolo per nascondere la venuta dell’amata, spargeva dal suo sigaro una nuvola di fumo sulle isole, limitando così la visibilità. Con questa leggenda gli antichi greci spiegavano il fenomeno dello Scirocco.

Al giorno d’oggi l’isola di Stromboli non è conosciuta solamente per le sue eruzioni, ma per i numerosi personaggi del jetset internazionale, che organizzano proprio su quest’isola party privati, che non hanno niente da invidiare a quelli di Hollywood.

0
0
0
s2smodern