Niente di più facile che andare dalle isole Eolie da Gioia Tauro

 

Nella località del Regino, sorge la città di Gioia Tauro, che affonda le proprie radici nelle acque del Mediterraneo. Gioia Tauro delimita la fine della Costa degli Dei e l’inizio della Costa Viola. Il belvedere più famoso è quello del Monte Sant’Elia il quale si affaccia sull’immensa distesa d’acqua che fa da cornice ai due vulcani più attivi del Mediterraneo: l’Etna e lo Stromboli.

 

Questa città, sorge sui resti dell’antica Metauros, che in greco indicava “toro a metà”, il leggendario Minotauro.  Quest’essere mitologico fa parte della famosa storia dell’eroe Teseo, che rinchiuso in un labirinto abitato dal mostro, dovette sconfiggere l’essere e uscire dalla trappola grazie all’aiuto della figlia del re Minosse; Arianna. Da Arianna nasce l’affermazione piantare in asso. Teseo, infatti, appena fuggi dall’isola di Nasso, abbandono la povera fanciulla.

 

Anticamente la città era considerata il centro della Magna-Grecia, essendo un’ottima zona portuale e commerciale. Tutt’oggi in essa sorge un grande porto, che fa da tappa intermedia nelle operazioni di trasporto intermodale, della nazione. Questo risulta essere il primo porto commerciale nel Mediterraneo e uno dei più grandi d’Europa. Nonostante ciò, le navi della Savadori non possono attraccare in esso, perché questo non è un porto turistico.

Nella cittadina fioriscono attività legate alla pesca.

 

Se in passato coloro che volevano approfittare dell’escursione alle isole Eolie, dovevano recarsi a Reggio Calabria (eclettica cittadina famosa per gli scultorei bronzi di Riace), ora grazie al servizio di atterraggio a Nicotera, che la Savadori Navigazione offre, le persone con solo 20 minuti d’auto possono fare una minicrociera alle splendide isole Eolie.

La partenza da Nicotera raccoglie non solo le persone che arrivano da Gioia Taura, ma anche da tutte le cittadine limitrofe, come: Bagnara, Villa San Giovanni, Palmi, Scilla, Seminara ecc.

 

 

 

0
0
0
s2smodern